ArticoliOmofobia

31enne impiccato in Iran

By Feb 19, 2019 Febbraio 23rd, 2019 No Comments

Iran dimostra ancora di avere un atteggiamento ostile nei confronti della omosessualità . Nella città di Kazerun, la condanna dell ‘uomo di 31 anni è stata decisa, perché avrebbe rapito e violentato due quindicenni. Ma la realtà sta nel fatto che l’uomo sarebbe stato condannato per sodomia. Il comportamento da parte delle autorità nasce dal fatto che ogni atto omosessuale è condannato usando qualsiasi  trucchetto. Alireza Nader, a capo dell’organizzazione New Iran (Nuovo Iran) con sede a Washington ha dichiarato:“la comunità LGBT iraniana ha vissuto nel terrore negli ultimi 40 anni. La prossima volta che il ministro degli esteri Mohammad Javad Zarif verrà negli Stati Uniti, ci sarebbe bisogno che dal pubblico, o dal palco, qualcuno gli chieda come mai il suo regime sia in cima alla lista dello sterminio per quanto riguarda le persone omosessuali”. Fra il 1979 al 2008 , il regime iraniano ha condannato a morte e giustiziate  tra le 4mila e le 6mila persone. La nota è stata data  da  una relazione britannica rivelato da Wikileaks. Da parte di attivisti  per i diritti umani e giornalisti, vista la non trasparenza del sistema giudiziaro iraniano, non è stato  possibile essere esaminati i casi giudiziari. L’ organizzazione tedesca che difende i diritti LGBTQIA (Fondazione Hirschfeld-Eddy), Axel M. Hochrein ha dichiarato l’ Iran “è uno dei paesi peggiori per quello che riguarda la persecuzione delle persone LGBTI ”  Inoltre ha ricordato Hochrein portavoce (Fondazione Hirschfeld-Eddy) :”Le autorità statali  si vantano regolarmente e pubblicamente ogni volta che viene giustiziata una persona omosessuale. Le nostre possibilità di influenzare il regime iraniano per quello che riguarda i diritti umani sono limitate, anche a causa dell’isolamento del paese. In ogni modo, la nostra fondazione fa un appello affinché aumentino gli sforzi della comunità internazionale per aiutare le persone LGBTI a fuggire dall’Iran e a dare loro un asilo sicuro”.
luca biagioni

Leave a Reply