Tecnico Storico del Diritto

FIRENZE 1400 i compagnacci

By Mag 5, 2015 Maggio 28th, 2015 No Comments

In periodo rinascimentale nel secolo “400, la città di Firenze era nota come una città liberale in cui prolificava l’omosessualità.

untitled

La visione liberale della città toscana tanto che città come Genova si evitavo di assumere insegnanti fiorentini, perché essi potevano influenzare le giovani generazione.
Tale situazione liberale fece si che a Firenze, fece si che nel 1432 fossero creati dei propri tribunali contro la sodomia.
Successivamente anche a Lucca, nel 1448 furono istituiti tribunali contro i sodomiti.
Persone note e di valore come Leonardo da Vinci fu accusato di avere avuto un rapporto con il giovane Santarelli. Successivamente fu assolto.
Personaggi come San Bernardino da Siena e come Savonarola condannarono omosessualità, tanto da chiedere alle autorità a approvare leggi sempre più restrittive contro la sodomia.
San Bernardino condannava a tale punto omosessualità da invitava a condannarli e bruciarli, inoltre chiedeva il loro esilio e la perdita del lavoro.
A questo punto le autorità giudiziaria, emano leggi sempre più dure verso gli omosessuali.
In settanta anni furono esposte più di 17.000 denunce. Finchè il 31 agosto del 1512 30 giovani dell’aristocrazia occuparono il palazzo del governo, al fine di far abrogare le norma antisodomita. Questi giovani erano chiamati “ i compagnacci”.
Con intervento spagnolo fu deposto il capo del Consiglio Maggiore Piero Sederini, e furono reinsidiati a Firenze la famiglia Medici, che accettarono le richieste dei ragazzi.
Il fatto raccontato fù il primo rivolta dei gay nella storia.

Leave a Reply