Articoli

IL MIO COMING OUT

By Ott 16, 2015 No Comments

Il mio coming out è stato fatto un po più di venticinque anni fa. Erano gli anni 90.Fin dall’inizio questa parte di me non mi piaceva e cercavo di respingerla. Ero restio a dire a me stesso sono gay.

coming out

Preferivo definirmi bisex L’ accettazione è stato anche il frutto di un percorso di psicanalisi. Gli psicanalisti affermavano che dovevo vivere la vita per quello che ero. La prima persona a cui lo dissi era mio fratello. Non ci fu una reazione particolare. La cosa pur essendo lui convinto che non era vero non ebbe alcun problema ad accettarmi. Più restii alla notizia furono i miei genitori, forse più mio padre affermava che io avrei avuto una vita più difficile e comunque mi diceva spero che ne sia convinto di ciò che dici. Anche lui probabilmente non ci credeva. Mia madre fu la più vicina a me. Lei mi accetto e ciò lo dimostrò anche dal fatto che quando avevo una relazioni i mie ex venivano a cena da me io andavo a casa loro. Una particolare relazione che durò otto anni sembrava sia che lui venisse da me sia che andassi da lui le rispettive madre ci trattavano come una coppia “normale”. Ma tornado al coming out quello più eclatante avvenne a cena a casa di mio zio. La mia famiglia è tendenzialmente conservatrice, comunque una sera a cena da mio zio io feci coming out anche se scoppiando a piangere, corro nello studio di mio zio e mia cugina mi seguì dicendo che non vi era problema. Insomma particolari problemi con il coming out non lo ho avuto e a distanza di tempo un po mi fa ridere. E’ vero che allora fare coming out era un po’ più difficile rispetto ad adesso. Inoltre anche fare il volontariato in gruppi Glbt fu di aiuto per me e per gli altri per combattere i pregiudizi. Oggi uomini di sport cantanti e perfino uomini di fede hanno fatto coming out. Tutto ciò a reso più facili per le nuove generazione fare coming out. diciamo che la globalizzazione ha abbattuto quel muro duro ossia, una minor presenza di omofobia nel nostro paese e nel mondo . Più del 50 per cento degli italiani approva i matrimoni gay. Questo dimostra che la popolazione omofobo è stata ridotta grazie a personalità del mondo gay sono usciti allo scoperto fin da più di venti anni

Luca Biagioni

 

Leave a Reply