Articoli

L’oro di Roma ( Pillole di storia)

By Ott 18, 2020 No Comments

Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia, Francia
Anno 1961
Genere drammatico
Regia Carlo Lizzani
L’oro di Roma è un film del 1961 di Carlo Lizzani. Il film si basa sui fatti reali del rastrellamento del ghetto di Roma, avvenuto il 16 ottobre 1943.

 

 

 

opo l’armistizio italo-americano, le truppe tedesche occupano Roma. E’ l’ottobre del 1943. Il capo della comunità ebraica viene convocato dalla polizia tedesca, che gli comunica, che avranno salva la vita se verseranno 50 kg oro la comunità ebraicaromana. In caso contrario, saranno presi 200 capi famigli e tradotti nei campi di concentramento. IL recupero dell’oro dovrà avvenire in due giorni. Pur essendo lacomunità ebraica inpoverita dopo le leggi razziali , la maggioranza decide di accettare il ricatto dei tedeschi.Pur di salvare vite umane il Presidente della comunità ebraica chiede aiuto a tutti. Infatti è molto angosciato di raggiungere il risultato, pur non disperando. Pur di arrivare alla sommadi 50 Kg viene chiesto aiuto dagli ebrei al Vaticano. Il Vaticano non gli chiede la porta. Nel contempo alcuni giovani ragazzi ebrei decidono di prendere le armi contro i nazi-fascisti.Essi infatti, non credono che i tedeschi, avuto oro, manterranno la parola. In tutto questa situazione tragica vi è la storiad’amore di una ragazza ebrea Giulia ed Davide un ragazzo cattolico. La madre di lui è colpita dal fatto che la donna è di origina ebraica e quasi entra in una crisi di nervi, ma il padre di lui cerca di fare ragionare la moglie. Egli dice: che i problemi si risolvono in modo civile, anche perchè il padre h acapito, che i ragazzi si amano. I ragazzi si erano conoscita all’ Universita’. All’inizio la ragazza pur di non rinunciare al suo amore si fa battezzare e cerca di essere fedele al suo amore. Ma quando il 16 ottenre 1943 ci sarà la razzia nel ghetto di ebrei di ogni età, di stato di salute. e di ogni stato sociale, poichè i tedeschi non rispettarono accordo , lei preferisce non lasciare il padre solo, che è stato preso dai nazi-fascisti e segurlo nell’incubo dei campi di concentramento, e preferisce lasciare il suo amore.
lb

Leave a Reply