Articoli

Omofobia a Messina

By Feb 8, 2020 No Comments

Circa Cinque e sei persone sono stati gli autori di un nuovo atto omofobico in questi ultimi giorni della fine del 2019. L’ennessimo atto omofobico, come dichiato dalla Arcigay di Messina, avvenuto in Italia e precisamente, come dicevamo a Messina, su di un autubus delle linee dell’Atm . I soliti insulti omofobi sono stati rivolti ad una coppia. Il gruppo di cinque-sei persone hanno detto, forse perchè uno dei due ragazzi, era truccato: “froc*o-froc*o” . Complice il comportamento di tutti i viaggiatori e salito un 50enne sull’autobus, egli avrebbe detto: “chi è la femmina dei due?”. “Se fosse stato mio figlio lo avrei preso a colpi di bastone”. Inoltre visto che il 50 gli bloccava la possibilta’di scendere dalla porta davanti, una signora ha detto alla coppia di :” non scendete dalle porte davanti, vi conviene scendere da qui”. Il direttore generale e i commissari liquidatori della azienda della ATM di Messina ha dichiarato come riportato da LetteraEmme : “L’Azienda ATM in liquidazione condanna ogni forma di omofobia ed esprime piena solidarietà e vicinanza ai ragazzi colpiti da questo gesto grave ed incivile. Tali gesti non possono essere tollerati in quanto ledono la libertà dell’uomo. Si rimane a disposizione delle Forze dell’Ordine per le indagini che riterranno opportuno svolgere” . Rosario Duca Presidente Arcigay di Messina ha detto”:Prendiamo atto dell intervento dei vertici di ATM ed auspichiamo che non siano solo frasi di facciata. Aspettiamo la risposta alla PEC per un incontro. Non basta dire siamo a disposizione delle forze dell’ordine ed è tutto finito. Se l incontro ci sarà forniremo tutti i dettagli per avviare anche un indagine interna. Comunque è un primo passo. Aspettiamo che altri vertici prendano posizione è non solo di condanna”.
luca biagioni

Leave a Reply