Articoli

OMOFOBIA IN MAROCCO

By Giu 8, 2020 No Comments

Una cosa strana stà succendo in Marocco attraverso un influenzer marocchina, che vive in Turchia, di nome Sofia Taloni stà cercado di tracciare uomini bisessuali o omosessuali. Essa infatti, ha invitato informazioni alle ragazze marocchine, attraverso tre app PlanetRomeo, Grindr e Hornet al fine di fare outing ai giovani gay marocchini. Inoltre la donna ha invitato a mettere foto false e con questo rintracciare i ragazzi. Le ragazza hanno iniziare a chattare con gli uomini bi o omosessuali con dichiarazione menzoniere creando una vera e propria caccia alle streghe. Inoltre ci sono state ragazze che con foto di nudo finte si sono registrate specialmente nei gruppi femminili di facebook. Ci sono state segnalazione visto che tali comportamento finiscono per ledere integrità delle persone “LGBTQIA (lesbiche, gay, bisessuali, trans, queer, intersex e asessuali) “. Violando ogni forma di semplice diritto alla pricìvacy l’atteggiamento di questa donna ha messo a rischio ragazzi gay che sono stati cacciati di casa o che sono stati licenziati. Tutto questo mette a rischio non solo la privacy delle persone Ma tali persone scoperti finiscono anche pestate. Inoltre la situazione dei gay è comunque in piu’ compromessa anche dal fatto che il paese è in emergenza coronavirus e quindi in quarantena. Inoltre alcuni che sono stati cacciati casi e sono senza di mora finiscono per essere maggior soggetti a rischio sanitario. Non si capisce il motivo, forse per seszo di irresponsabilità specialmente in una situazione come quella che la maggioranza degli stati, che stà vivendo. La donna o influnzer ha voluto spiegare che ha voluto fare tutto questo per combattere l’ipocrisia che vive nel mondo arabo. Infatti il suo intento è smscherare l’ ipocrisia dei gay marocchini.Lei afferm ache nella società Marocchina i gay ci sono. Agli haters Taloni ha dato istruzioni precise su come incastrare gli utenti delle chat gay. Visto quello che ha fatto Talona Planet-Romeo ha deciso di inviare un messaggio a tutti gli utenti marocchini e soprattutto di eliminare i profili visto le segnalazione che vi erano state. Altri siti ancora non hanno preso provvedimenti per la privacy degli utenti. Dobbiamo ricordare che nel Marocco l’omosessualità oggi la condanna con una pena che va dai 6 mesi ai 3 anni di reclusione e con un’ammenda dai 120 ai 1200 dirham (dagli 11 ai 110 euro circa) secondo ciò che dice art 489 del codice penale. La situazione è abbastanza cupa per il mondo GLBTQI. Quindi il mondo gay deve stare molto attento.Questo per evitare quello che è successo al ricercatore Patrick Zaky, l’attivista egiziano che tornato a casa, attualmente è in una galera egiziana in attesa del processo. Inoltre l’attivista è stato accusato anche di essere un attivista gay. Questo fa un modo che governo autoritario di Abdel Fattah al-Sisi che questa ultima informazione da un piatto d’argento per condannare il ricercatore. Per evitare di non essere attaccato da questa perfedio di questa donna condividendo foto, nomi video,per evitare la gogna mediatica, per caso qualcuno si trovasse del materiale compromettene ha l’obbligo di segnalare tali comportamenti che violano la legge sulla privacy. Se uno ha del materiale che viene preso a tranello è co-autori di questo outing di massa.
luca biagioni
FONTE : IL GRANDE COLIBRI

Leave a Reply