Articoli

Omotransfobia di stato

By Nov 3, 2020 No Comments

Un atto di omotransfobia di stato è stata raccontata dall’associazione All Out. Esso è avvenuta in Uganda. Un ragazzo di 20 anni è stato arrestato ad aprile scorso .Egli viveva in una comunità alla periferia di Kampala insieme a 19 persone gay, bisessuali e transgender ugandesi . Egli ci racconta che : La nostra comunità si era formata per avere un luogo sicuro dove vivere e per prendersi cura gli uni degli altri: molti di noi sono sieropositivi, altri sono molto giovani“.
Aggiunge il ragazzo ” Poi è arrivata la pandemia da Covid-19, che in Uganda è stata devastante.A causa del lockdown, potevamo uscire pochissimo. In questo paese l’omosessualità è un reato e la polizia, nota per le violenze contro le persone LGBT+, ha approfittato del lockdown per prendere di mira la nostra casa di accoglienza. Non facevamo niente di male, cercavamo solo di sopravvivere, quando hanno fatto irruzione nella nostra casa, arrestando 20 persone per aver, secondo loro, “violato le regole di distanziamento sociale”. Poi ci hanno fatto sfilare per le vie della città in modo che tutti vedessero chi eravamo. Il sindaco ha persino preso a frustate pubblicamente due di noi. Quindi, ci hanno portato in prigione. È stato lì che, giorno dopo giorno, siamo stati maltrattati brutalmente dai secondini e dagli altri detenuti. Ci hanno ustionato con legna infuocata e picchiato con dei bastoni.Cicatrici che molte di queste persone hanno ancora sul corpo e nella mente. Ed è qui che All Out si appella al buon cuore dei lettori, chiedendo di fare una donazione per rialloggiare 20 giovani omosessuali, bisessuali e transgender ugandesi che sono stati ingiustamente arrestati e brutalmente maltrattati durante il lockdown.” Ha fatto in modo di trovargli un rifugio di fortuna provvisorio , la Associazione che gestisce la casa di rifugio.L’Associazione si chiama “La Children of the Sun Foundation” .Il ragazzo racconta che a causa del Lookdown :Certi giorni restiamo senza cibo, acqua o sapone. E non abbiamo più i soldi per pagare l’affitto“, . “Inoltre, non è più sicuro per noi vivere tutti insieme nella stessa casa. La polizia potrebbe arrivare di nuovo in qualsiasi momento. Dovremmo essere alloggiati in case separate, in modo da essere meno vulnerabili rispetto a un gruppo più ampio. Ma Children of the Sun Foundation non ha i mezzi per fornirci questo aiuto“. Il ragazzo racconta ancora, Con il tuo aiuto, avremo più possibilità di arrivare alla fine dell’anno, nonostante i tanti rischi che corriamo. La tua donazione ci servirà a pagare alloggi sicuri e farmaci essenziali per i prossimi 3 mesi. Per favore, fai una donazione oggi“.
lb

Leave a Reply