Articoli

Questione di costituzionalità sollevata alla Corte Costituzionale in relazione alla stepchild adoption

By Feb 28, 2016 No Comments

Sulla questione di costituzionalità sollevata da parte del tribunale di Bologna alla Corte Costituzionale  in relazione  alla  stepchild adoption la Corte Costituzionale  ha risposta   dichiarando inammissibile la questione costituzionale rispedendo al mittente la risposta. 

fotocc
Era il 2004 quando in Usa  con una sentenza aveva disposto che i figli  delle due donne potevano
essere adottato da una e dall’altra donna. Di conseguenza  il Tribunale dei minori di  Bologna a
cui le donne si erano rivolte aveva sollevato questione di Costituzionalita’. La Consulta ha dichiarato :
“Il Tribunale di Bologna – si legge in una nota della Consulta – ha erroneamente trattato la decisione straniera come un’ipotesi di adozione da parte di cittadini italiani di un minore straniero (cosiddetta adozione internazionale), mentre si trattava del riconoscimento di una sentenza straniera,
pronunciata tra stranieri”.
Attraverso la legge che riguarda le adozione l’ Avvocatura dello Stato ha chiesto di respingere il caso affermando che i tribunali dei minori già hanno attuano e applicate  le norme sopra citate anche
per le coppie gay. Il giorno prima della dell’approvazione in Senato delle unioni civili senza stepchild_adoption” grazie al maxi emendamento del governo che ha messo la fiducia.
La decisione della Consulta arriva il giorno prima del voto di fiducia al Senato sul maxi emendamento. Lo Stato dell’Oregon ha deciso che le due donne sono entrambi mamme dei due figli avuti fuori dal matrimonio. Le donne comunque volevano che tale adozione fosse anche riconosciuta in Italia.
Di conseguenza  la motivazione per cui i giudici  del tribunale di minori hanno sollevato questione di costituzionalita’  è data dal fatto no è ammissibile adozione gay in Italia.

Luca Biagioni

Leave a Reply